Homepage

Notizie in evidenza
L’appello

Nel dicembre 2018, a settant’anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e a un secolo dalla fine della Prima guerra mondiale, i giovani e gli ex studenti di Rondine Cittadella della Pace hanno lanciato un Appello a tutti i popoli per compiere il primo passo verso una svolta decisiva sul tema dei diritti umani.

Con la campagna “Leaders for Peace”, Rondine chiede a ciascuno dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite di dedicare una cifra simbolica dal proprio bilancio della difesa alla formazione di altrettanti leader globali in grado di intervenire nei principali contesti di conflitto del mondo, per promuovere lo sviluppo di relazioni sociali e politiche pacificate.

Rondine chiede inoltre a ogni Stato membro di inserire l’insegnamento e l’educazione ai diritti umani nei sistemi d’istruzione nazionali, integrandoli con le sperimentazioni del Metodo Rondine sulla trasformazione creativa dei conflitti.
L’obiettivo è la graduale estinzione dei contesti bellici dal pianeta attraverso l’affermazione di una nuova cultura che smascheri il falso concetto di nemico e diffonda tra i cittadini le abilità per trasformare positivamente i conflitti, integrando l’educazione del Metodo Rondine con l’insegnamento dei diritti umani.

Su invito del ministero degli Affari Esteri italiano e della Rappresentanza italiana alle Nazioni Unite, Rondine ha lanciato la campagna e l’Appello con un grande evento internazionale presso la sede delle Nazioni Unite a New York il 10 dicembre 2018.
Un anno dopo, il 5 dicembre 2019, studentesse e studenti di Rondine sono tornati alle Nazioni Unite per dire al mondo che quello che sembrava un sogno stava diventando realtà: nel primo anno di campagna, Leaders for Peace ha ricevuto il sostegno del Presidente italiano Mattarella e del Santo Padre Francesco, l’Appello è stato formalmente firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per il Governo italiano e, infine, l’evento alle Nazioni Unite del 2019 è stato co-patrocinato da Armenia, Giordania, Unione Europea e dall’Ufficio del Delegato Giovanile del Segretario Generale dell’ONU, alla presenza della Sierra Leone.

Speriamo che molti altri Stati e istituzioni seguiranno l’Italia nel sostenere Leaders for Peace: aiuta Rondine a promuovere la campagna e l’Appello nel mondo.

Chi siamo
Rondine Cittadella della Pace, candidata al premio Nobel per la pace 2015, è un’organizzazione che si impegna per la riduzione dei conflitti armati nel mondo e la diffusione del proprio metodo per la trasformazione creativa dei conflitti in ogni contesto.
L’obiettivo è contribuire a un pianeta privo di scontri armati, in cui ogni persona abbia gli strumenti per gestire creativamente i differenti conflitti.
Lo Studentato internazionale – World House è il progetto che dà origine e continua ispirazione a Rondine. Esso accoglie giovani provenienti da Paesi teatro di conflitti armati o di situazioni post-conflitto e li aiuta a scoprire la persona nel proprio nemico, attraverso l’impegno difficile e sorprendente della convivenza quotidiana. Con i suoi percorsi di formazione, Rondine li porta a diventare leader di sé stessi, della propria comunità e attori di cambiamento nella società civile globale, nella continua ricerca del bene comune.

Kan Taniya
abcaso

A 19 anni sono arrivato a Rondine con l’obiettivo di diventare web designer. Ma nella Cittadella della Pace ho..

Maria Karapetyan
armena

Sono nata nel 1988, quando la terra armena è stata squarciata da un terribile terremoto. Negli anni ho imparato ad accettare..

Noam Pupko
israeliano

Cresciuto dentro una guerra che dura da decenni, grazie al percorso di formazione a Rondine sono diventato..

Manuella Markaj   
kosovara

Fin da bambina ho avuto un sogno: incidere positivamente nelle vite degli altri. A Rondine ho imparato come realizzarlo…
Dicono di noi
  • “Affrontare le proprie sfide con coraggio e curiosità può portarci a trasformare anche le difficoltà più importanti in opportunità. A Rondine, ogni giorno, elementi di conflitto si trasformano in occasione di incontro e convivenza.” Alex Zanardi
    “Rondine è un’esperienza straordinaria, umana e spirituale, che mi ha aperto il cuore. Nasce dalla curiosità e dalla voglia di conoscere, che sono il motore che ci spinge in avanti. Bisogna liberarsi dall’obbligo di avere paura.” Brunello Cucinelli

  • “Affrontare le proprie sfide con coraggio e curiosità può portarci a trasformare anche le difficoltà più importanti in opportunità. A Rondine, ogni giorno, elementi di conflitto si trasformano in occasione di incontro e convivenza.” Alex Zanardi
    “Rondine è un’esperienza straordinaria, umana e spirituale, che mi ha aperto il cuore. Nasce dalla curiosità e dalla voglia di conoscere, che sono il motore che ci spinge in avanti. Bisogna liberarsi dall’obbligo di avere paura.” Brunello Cucinelli

  • “La globalizzazione ha sconvolto la diplomazia e le relazioni tra gli Stati. C’è bisogno di creare reti nel mondo globale: perché nel mondo globale abbiamo l’illusione di sapere tutto. Il lavoro che nasce a Rondine, rete di amicizia e di comunicazione, è particolarmente importante perché rappresenta un giacimento di pace sicuro, alla base della vicenda di globalizzazione del Mediterraneo.” Andrea Riccardi
    “La violenza occupa sempre le prime pagine dei giornali. Dovremmo invece concentrarci sulle storie di speranza che arrivano da associazioni come Rondine. Spero che i suoi giovani diventino la nuova generazione di leader nei propri Paesi, per contribuire a risolvere i conflitti in maniera efficace.” Noa

  • “Il rispetto delle culture e delle tradizioni altrui è essenziale per superare i conflitti: la diversità è ricchezza per l’uomo e futura salvezza per il pianeta. A Rondine si coltiva tutto questo e spero che i suoi frutti si espandano in tutto il mondo.” Vandana Shiva
    “Per costruire la pace è fondamentale la creatività. Il conflitto è il sale dell’esistenza e, senza la violenza, rappresenta qualcosa di buono che ogni individuo dovrebbe imparare a sviluppare. Ma per farlo bisogna utilizzare la creatività. Dovremmo quindi imparare a valorizzare i giovani e le loro capacità di sviluppare una maggiore fantasia. Rondine è un bell’esempio di creatività, un luogo senza violenza, di confronto e dialogo.” Johan Galtung

  • “Oggi sfoghiamo la rabbia nella violenza. Mio nonno mi ha insegnato a canalizzarla in un’azione positiva. La pace dipende da noi, da ciascuno di noi, da quanto ci crediamo fino in fondo. Qui a Rondine ci si crede.” Arun Gandhi

  • “Affrontare le proprie sfide con coraggio e curiosità può portarci a trasformare anche le difficoltà più importanti in opportunità. A Rondine, ogni giorno, elementi di conflitto si trasformano in occasione di incontro e convivenza.” Alex Zanardi

  • “Rondine è un’esperienza straordinaria, umana e spirituale, che mi ha aperto il cuore. Nasce dalla curiosità e dalla voglia di conoscere, che sono il motore che ci spinge in avanti. Bisogna liberarsi dall’obbligo di avere paura.” Brunello Cucinelli

  • “Fare memoria è anche questo: battersi per un mondo migliore. Rondine è una piccola località in cui si vive e coltiva un sogno in cui mi riconosco. Un’utopia? Forse sì, ma splendida.” Liliana Segre

  • “Nutro grande ammirazione per l’instancabile impegno di Rondine nella promozione di una convivenza pacifica e nella trasformazione dei conflitti. Ci ricorda che accogliere chi è diverso da noi non indebolisce le nostre convinzioni e che gli esseri umani possono riconoscersi in valori universali.” Hassan bin Talal – Principe di Giordania

  • “La globalizzazione ha sconvolto la diplomazia e le relazioni tra gli Stati. C’è bisogno di creare reti nel mondo globale: perché nel mondo globale abbiamo l’illusione di sapere tutto. Il lavoro che nasce a Rondine, rete di amicizia e di comunicazione, è particolarmente importante perché rappresenta un giacimento di pace sicuro, alla base della vicenda di globalizzazione del Mediterraneo.” Andrea Riccardi

  • “La violenza occupa sempre le prime pagine dei giornali. Dovremmo invece concentrarci sulle storie di speranza che arrivano da associazioni come Rondine. Spero che i suoi giovani diventino la nuova generazione di leader nei propri Paesi, per contribuire a risolvere i conflitti in maniera efficace.” Noa

  • “Il rispetto delle culture e delle tradizioni altrui è essenziale per superare i conflitti: la diversità è ricchezza per l’uomo e futura salvezza per il pianeta. A Rondine si coltiva tutto questo e spero che i suoi frutti si espandano in tutto il mondo.” Vandana Shiva

  • “Per costruire la pace è fondamentale la creatività. Il conflitto è il sale dell’esistenza e, senza la violenza, rappresenta qualcosa di buono che ogni individuo dovrebbe imparare a sviluppare. Ma per farlo bisogna utilizzare la creatività. Dovremmo quindi imparare a valorizzare i giovani e le loro capacità di sviluppare una maggiore fantasia. Rondine è un bell’esempio di creatività, un luogo senza violenza, di confronto e dialogo.” Johan Galtung

  • “Oggi sfoghiamo la rabbia nella violenza. Mio nonno mi ha insegnato a canalizzarla in un’azione positiva. La pace dipende da noi, da ciascuno di noi, da quanto ci crediamo fino in fondo. Qui a Rondine ci si crede.” Arun Gandhi

Agisci
Unisciti a noi Insieme formiamo leader per governare futuri processi di pace

    Firma l'appello a titolo personale per esprimere il tuo sostegno alla campagna e ricevere gli aggiornamenti
    Ai sensi e per gli effetti degli articoli 6.1.b, 6.1.f, 7 e 13 del Regolamento (UE) 2016/679 acconsento al trattamento dei miei dati personali come da informativa.

    Supporter
    Partners
    In collaborazione con
    Con il patrocinio di
    Sponsorizzato da