fbpx

Dieci AMBASCIATE presso la SANTA SEDE in visita a RONDINE e ad AREZZO

L’iniziativa, ospitata da Rondine Cittadella della Pace e dall’Arcivescovo Riccardo Fontana, stimolata da un evento promosso da S.E l’ambasciatore Pietro Sebastiani presso l’Ambasciata d’Italia, per favorire il rilancio della campagna Leaders for Peace

 Dieci rappresentanze diplomatiche hanno oggi visitato la città di Arezzo.

L’iniziativa, ospitata da Rondine Cittadella della Pace e dall’Arcivescovo Riccardo Fontana, è nata da un recente evento, promosso da S.E l’ambasciatore Pietro Sebastiani presso l’Ambasciata d’Italia accreditata presso la Santa Sede, per favorire il rilancio della campagna Leaders for Peace di Rondine sensibilizzando gli Ambasciatori presso la Santa Sede a sostenere la formazione di giovani leader di pace, attraverso l’appello lanciato nel 2018 alle Nazioni Unite di New York da Franco Vaccari, presidente di Rondine, Cittadella della Pace.

L’interesse per la realtà di Rondine e l’apprezzamento per le testimonianze dei giovani, provenienti da vari Paesi, ospitati dalla Cittadella, ha determinato in vari Ambasciatori, tutti accreditati presso la Santa Sede, il desiderio di visitare il borgo di Rondine e di approfondirne la conoscenza.

Così, al termine della visita, vi è stata una proficua ed articolata tavola rotonda sui temi della campagna Leaders for Peace (leadership, cittadinanza attiva, educazione, diritti umani), assieme agli studenti internazionali della World House, che hanno portato le loro storie e testimonianze del conflitto ma anche l’impegno ad operare a servizio della pace.

Gli Ambasciatori hanno, successivamente visitato la città di Arezzo, ammirandone il ricco patrimonio artistico e culturale, soffermandosi particolarmente nella visita della Cattedrale, accolti da S.E. mons. Riccardo Fontana.

Tra le rappresentanze presenti quelle di Honduras, Timor Est, Repubblica Slovacca, Angola, Repubblica Ceca, Portogallo, Giappone, Bulgaria, Senegal e, ovviamente, l’Italia con la presenza dell’Ambasciatore Pietro Sebastiani.

Rondine vuol essere un ponte per aprire un dialogo nuovo tra i Governi al fine di generare processi di pace mettendo i giovani al centro – ha affermato il presidente di Rondine, Franco Vaccarie siamo felici che queste occasioni possano contribuire a far conoscere la città di Arezzo che la ospita in quella dimensione globale e locale che è nella natura stessa della Cittadella”.

L’arcivescovo Riccardo Fontana, accogliendo le rappresentanze diplomatiche in Palazzo vescovile per una visita privata, ha manifestato la sua gratitudine per l’incontro odierno, auspicando che i valori – promossi dall’esperienza di Rondine – possano trovare un’accoglienza sempre più ampia, rafforzata dalla convinzione che la pace è e costituisce per ogni uomo il bene più prezioso da difendere, tutelare, custodire.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print