fbpx

L’INIZIO DI TUTTO: DALLA VERNA ALL’INCONTRO CON IL PRESIDENTE MATTARELLA. NASCE “LEADERS FOR PEACE”

È stata La Verna, che Giorgio La Pira definiva “trampolino per imprese di pace”, a fare da cornice al lancio ufficiale della campagna globale Leaders for Peace in vista dell’evento di lancio internazionale alle Nazioni Unite del 10 dicembre 2019 in occasione del 70° anniversario dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

L’evento si è svolto alla presenza di alcuni tra i fondatori e amici di lunga data dell’esperimento di pace poi divenuto Rondine (il presidente Franco Vaccari, il vescovo di Grosseto mons. Rodolfo Cetoloni, Domenico Gianicomandante del Corpo della Gendarmeria vaticana e Felix Stanevskiyex ambasciatore russo in Italia). Cuore dell’evento è stata la diffusione dell’Appello della campagna globale, con cui Rondine chiede agli Stati Membri delle Nazioni Unite di devolvere una cifra simbolica dal proprio bilancio della difesa a borse di studio per futuri leader di pace e di introdurre l’educazione ai diritti umani nei sistemi di istruzione nazionali, integrandola con il Metodo Rondine. “Occorrono leader globali, leader di pace formati con metodo nuovo e capaci di influenzare subito le società e il nostro pianeta, per orientare il cambiamento e il salto in una nuova era”, ha letto, citando l’Appello, Manuella Markaj, vice presidente di Rondine International Peace Lab, l’associazione che riunisce gli ex studenti della Cittadella della Pace e che promuove la campagna insieme a Rondine.

Solo quattro giorni dopo il lancio alla Verna, studentesse e studenti di Rondine hanno portato Leaders for Peace al Quirinale. È stato infatti il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella il primo Capo di Stato a ricevere ufficialmente l’Appello che Rondine avrebbe poi presentato ai 193 Stati membri delle Nazioni Unite il 10 dicembre 2019.

L’Appello della campagna è stato letto al Presidente della Repubblica da una giovane palestinese e da un israeliano, che a Rondine dimostrano di poter convivere ogni giorno e lavorare insieme. Mattarella, cogliendo la forza del loro messaggio e di un’esperienza di vita vera, ha accolto l’Appello manifestando profonda vicinanza e incoraggiamento ai giovani di Rondine perché possano essere portatori di un cambiamento nel mondo che parta proprio dall’Italia.

La loro passione e il loro coraggio hanno emozionato e colpito nel profondo il Presidente Mattarella, che li ha incoraggiati a continuare questo percorso perché, come ci insegna la Storia, dal basso si può cambiare il mondo, anche quando sembra impossibile.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print